Spedizioni gratuite in Italia, a partire da 4 articoli acquistati

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Negozio

BACH - ALTERNATIVE HARPSICHORD CONCERTOS

BACH - ALTERNATIVE HARPSICHORD CONCERTOS

€ 13,50

  BACH ALTERNATIVE HARPSICHORD CONCERTOS  VELUT LUNA CVLD322  UPC: 8019349898980 Concert For Harpsichord and Orchestra in D Minor BWV 1052a Roberto Loreggian, harpsichord 1 - Allegro, 7:43 2 - Adagio, 7:59 3 - Allegro, 8:32 Concert For Harpsichord and Orchestra in G Minor BWV 1056a Roberto Loreggian, harpsichord 4 - Allegro, 3:42 5 – Adagio, 2:38 6 - Presto, 4:27 Concert For Flute, Violin, Harpsichord and Orchestra in D Major BWV 1050a Francesco Padovani, flute, Federico Guglielmo, violin, Roberto Loreggian, harpsichord 7 – Allegro, 8:28 8 – Adagio, 6:14 9 - Allegro, 5:26 tot. time: 55:16 Roberto Loreggian, harpsichord L’Arte dell’Arco Federico Guglielmo, Gianpiero Zanocco, violins Mario Paladin, viola Francesco Galligioni, cello Alessandro Pivelli, double bass 24bit/88.2kHz original recording made at Abbazia di Santa Maria delle Carceri, Main Hall, Carceri (Italy),  on November 11, 12, 2019 The recording was made by Marco Lincetto, using the very special and custom VLR Sound Recording System, including pure analog devices such as Rupert Neve Design Mic Preamplifiers 5024 and Analog  Summing Mixer SATELLITE 5059, Ribera R12 Vacuum Tube Microphones and the ADC Prism Sound AD2 Dream Production: VELUT LUNA Executive Producer: Marco Lincetto Balance, recording, mix and mastering engineer: Marco Lincetto Musical producer: Mattia Zanatta Editing engineer: Michele Sartor Critical text: Myriam Guglielmo Photo: Marco Lincetto Cover design concept and layout: L'Image  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Prokofiev - Piano Sonatas

Prokofiev - Piano Sonatas

€ 30,00

VELUT LUNA CPRD001   -  UPC: 8019349989787 CD 1   tot. time: 56:30 Sonata No. 1 In Fa Minore, Op. 1 - 8:33  01 - Allegro, Meno Mosso, Allegro   Rakhat-Bi Abdyssagin, piano Sonata No. 2 In Re Minore, Op. 14 - 19:29   02 - Allegro Ma Non Troppo  / 03 - Scherzo, Allegro Marcato   04 - Andante / 05 - Vivace, Moderato, Vivace   Elisa D'Auria, piano Sonata No. 3 In La Minore, Op. 28 - 8:54   06 - Allegro Tempestoso, Moderato, Allegro Tempestoso,  Moderato Dolce, Più Animato, Allegro I, Poco Più Mosso  Carmen Anastasio, piano Sonata No. 4 In Do Minore, Op. 29 - 19:30    07 - Allegro Molto Sostenuto / 08 - Andante Assai / 09 - Allegro Con Brio Ma Non Leggiere  Sara De Ascaniis, piano CD2   tot. time: 64:30 Sonata No. 5 In Do Maggiore, Op. 38 - 16:25   01 - Allegro Tranquillo  / 02 - Andantino / 03 - Un Poco Allegretto  Cristian Monti, piano Sonata No. 6 In La Maggiore, Op. 82 - 28:10   04 - Allegro Moderato  / 05 - Allegretto / 06 - Tempo Di Valzer Lentissimo  / 07 - Vivace  Claudio Bonfiglio, piano Sonata No. 7 In Si Bemolle Maggiore, Op. 83 - 19:50   08 - Allegro Inquieto, Andantino  / 09 - Andante Caloroso / 10 - Precipitato  Fabiano Casanova, piano CD3   tot.time: 53:35 Sonata No. 8 In Si Bemolle Maggiore, Op. 84 - 29:12   01 - Andante Dolce, Allegro Moderato, Andante Dolce Come Prima, Allegro  02 - Andante Sognando  / 03 - Vivace, Allegro Ben Marcato, Andantino, Vivace Come Prima  Simone Rugani, piano Sonata No. 9 In Do Maggiore, Op. 103 - 24:20   04 - Allegretto  / 05 - Allegro Strepitoso, Andantino, Allegro tempo I 06 - Andante Tranquillo / 07 - Allegro Con Brio Ma Non Troppo Presto  Martin Malmgren, piano 88.2kHz / 24bit original recording made live-in-studio at Auditorium Pollini, Padova, on January 11, 12, 2019 Production:  Velut Luna Executive producer: Marco Lincetto Musical producer: Marco Lincetto Recording, Mix and Mastering engineer: Marco Lincetto Editing engineer: Mattia Zanatta Cover Photo: Marco Lincetto Design and layout: L'Image  Questo progetto è stato realizzato sotto l'egida del Conservatorio Cesare Pollini di Padova, e del suo direttore, Maestro Leopoldo Armellini, che ha riunito nove straordinari interpreti selezionati per la master class del Maestro Kostantin Bogino. A coronamento del lavoro svolto all'interno della masterclass si sono tenuti per una serie di concerti e questa registrazione, realizzata a margine dei concerti stessi con la modalità del "live-in-studio" senza pubblico, garantendo così anche la massima qualità sonora, senza perdere l'emozione e l'impatto di una presa diretta. Una delle grandi pagine del repertorio pianistico mondiale, l'integrale delle Sonate di Serg Prokofiev, trova così, in questo triplo CD, una delle sue migliori e più brillanti edizioni, anche grazie alla spettacolare qualità del suono garantita dallo splendido pianoforte Steinway & Sons D274 Concert Grand residente all'interno dell'Auditorium Pollini di Padova e, appunto, dalla registrazione realizzata da Marco Lincetto con la sua esclusiva tecnica di ripresa specialmente messa a punto per il pianoforte solo, che prevede l'utilizzo anche dei raffinati microfoni valvolari Ribera R12. Questa produzione discografica si avvale anche del contributo del PROGETTO LPM.                

Aggiungi al carrello

30,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
QUATTRO

QUATTRO

€ 13,50

Baraonna, Premio della Critica e Miglior Arrangiamento al festival di Sanremo.  Collaborazioni, nella musica pop, con Claudio Baglioni, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Renato Carosone, Mario Lavezzi, Renzo Arbore, Pino Daniele, Paolo Conte, Mango, Fred Bongusto, Tullio De Piscopo.  Nel teatro musicale con Pino Insegno, Claudio Insegno, Maurizio Battista, Michele Placido, Catherine Deneuve, Pippo Franco, Pierfrancesco Pingitore.  Nella musica jazz con Stefano Di Battista, Pippo Matino, Pietro Iodice, Alessandro Tomei, Andy Bartolucci, Gianni Savelli, Claudio Corvini, Marco Sinopoli, Antonio Iammarino, Lionel Hampton, Jean Paul Artero, Bernard Cesari, Roger Nikitoff, Maria Moreno.  Festival e concerti in diversi palcoscenici internazionali, Francia, Inghilterra, Slovenia, Croazia, Svizzera, Lussemburgo, Slovacchia, USA, Emirati Arabi.  "QUATTRO" è il nuovo CD dei Baraonna (Velut Luna 2020). 10 tracce, di cui sette brani completamente inediti, composti ed arrangiati dai Baraonna; una nuova versione del super premiato pezzo sanremese, "I giardini d'Alhambra" e due cover, "Minuetto" ed "Il terzo fuochista" portate al successo rispettivamente da Mia Martini e Tosca. Gli arrangiamenti sono vocalmente polifonici e contrappuntistici, in stile Baraonna (Delio Caporale, Vito Caporale, Daphne Nisi ed Eleonora Tosto). La parte strumentale vede: Pippo Matino, fuoriclasse napoletano, al basso elettrico; la creatività jazzistica di Alessandro Tomei ai sax ed al flauto traverso; la brillantezza ritmica di Andy Bartolucci, giovane performer romano, che ha suonato batteria e percussioni; le chitarre sapienti di Marco Sinopoli, figlio del celebre direttore d’orchestra; ed infine il pianoforte e le tastiere di Vito Caporale, che ha curato anche la direzione artistica dell'album. Il CD è articolato e godibile, vario nelle ambientazioni musicali, con il fil rouge delle armonizzazioni vocali. Emergono tuttavia le forti personalità espressive dei quattro solisti Baraonna, che sono inoltre, autori ed arrangiatori del CD.  Nell'album sono contenuti parti in italiano, napoletano, inglese, francese ed "esperanto" del sud. Le registrazioni sono state effettuate a Roma presso lo studio Delta Top e lo studio MSMedia. Il completamento del missaggio e la masterizzazione sono stati curati, a Padova, da Marco Lincetto, cultore del suono di alta qualità.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
SE FOSSI UNA RONDINELLA

SE FOSSI UNA RONDINELLA

€ 13,50

VELUT LUNA CVLD321 UPC: 8019349889896 01 - La Dosolina - Eddy Serafini,  2:44 02 - Gran Dio del Cielo - Armando Franceschini,  3:09 03 - ‘Ndormenzete popin - Erika Eccli,  2:42 04 - E col cifolo del vapore - Nikos Betti,  3:22 05 - La sposa morta - Marco Uvietta,  2:20 06 - Il Maritino - Armando Franceschini,  2:04 07 - La Madonnina - Camillo Moser e Italo Varner,  2:10 08 - La casa del mio bèn - Armando Franceschini,  1:38 09 - Ninna Nanna - Eddy Serafini,  1:59 10 - L’è tre ore che son chi sotto - Erika Eccli,  1:23 88.2kHz / 24bit original digital recording made at Areamagister Studios, Preganziol (Italy) on December, 28, 29, 2019 Production: Velut Luna Executive Producer: Marco Lincetto Musical Producer: Marco Lincetto & Barbara Bertoldi Recording, Mix & Mastering Enegineer: Marco Lincetto Photo: Marco Lincetto Design & Layout: L'Image Costantino Nigra pubblica nel 1888 i “Canti popolari del Piemonte”, utilizzando per la prima volta un approccio etnologico, comparatistico e dialettologico alla poesia popolare italiana. E’ una ricerca lunga, appassionata, nell’ambito dei “canti veramente popolari, cioè senza che se ne conosca l’autore, quei canti che si odono nei campi, nelle stalle, parto di poeti contadini”, come scrive in una lettera ad uno studioso sardo il suocero di Nigra, Giovenale Vegezzi Ruscalla. Nasce con Nigra la nuova metodologia di ricerca, che prima era area di studio e lavoro di letterati e filologi, prevalentemente toscani. Da questi studi discende che il canto popolare, se è di autore anonimo per quanto riguarda la scrittura, è però ben identificabile come area di diffusione. Ed è anche ben visibile la traccia storica che il testo compie attraverso le modificazioni cui esso è soggetto nel corso degli anni, se non dei secoli. I temi trattati investono la vita tutta dell’uomo e della donna, narrando del lavoro, dello svago, dell’amore, dei lutti e delle guerre. Sono testi, come quelli riportati nel presente CD, fortemente dialettali, propri dell’area dell’Italia settentrionale, con diffusione anche in Francia, Provenza, Catalogna e Portogallo. Poi, come è tipico della narrazione popolare, questa viene variata ed adattata alle situazioni e ai tempi diversi, senza variare l’impianto narrativo, di modo che si può sempre, o quasi, risalire al testo originale. I canti di questo CD, scelti dalla musicista interprete e ri-armonizzati per violoncello e voce da compositori amici e colleghi, riportano la narrazione alla sua rappresentazione più veritiera, quando l’interprete non era un coro, ma una o al massimo due voci, accompagnate da uno strumento, chitarra o violino che fosse, suonati molto spesso ad orecchio. L’accompagnamento del violoncello dà una veste raffinata e inedita nel vasto campo delle esecuzioni di canti popolari. Le ri-armonizzazioni proposte dai vari compositori rendono la narrazione variata e diversa, a seconda delle differenti sensibilità,  pur nel rispetto della armonizzazione primitiva.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
MINGUS WORLD

MINGUS WORLD

€ 13,50

VELUT LUNA CVLD320 - MINGUS WORLD UPC: 8019349878692 01 - Monk, Bunk & Vice Versa  4:30 02 - Fables Of Faubus  6:40 03 - Goodbye Pork Pie Hat  4:51 04 - Jelly Roll  3:35 05 - Duke Ellington Sound Of Love / Oh Lord, Don't Let Them Drop That Atomic Bomb On Me  7:55 06 - O.P.  3:10 07 - Sue's Changes  6:18 08 - Jump Monk  4:38 09 - Better Get Hit In Your Soul  4:18 total time: 45:58 All compositions by Charles Mingus All arrangements by Salvatore Maiore and Maria Vicentini Maria Vicentini, violin and viola Salvatore Maiore, cello and double bass 88.2kHz/24bit original recording made live-in-studio at San Giacomo Spazio d'Arte, Italy, on November, 30, 2019 Marco Lincetto choose a pure DECCA TREE recording set up, using three RIBERA R12 vacuum tube microphones Production: VELUT LUNA Executive Producer: Marco Lincetto Balance Engineer: Marco Lincetto Recording Engineers: Cristiano Zatta & Marco Lincetto Editing Engineers: Cristiano Zatta & Marco Lincetto Mix and Mastering Engineer: Marco Lincetto Photo: Marco Lincetto Design and layout: L'Image Kingus Mingus Più invecchio, più mi irrito per la banalità del racconto sul jazz e sui suoi personaggi rinchiusi nei luoghi comuni che vanno dal “buontempone dalla risata perenne” al “genio e sregolatezza”, passando per una serie di frasi fatte che vi risparmio e mi risparmio. Più invecchio, più gioisco quando mi imbatto nei lavori di musicisti di ogni generazione che non si fermano alle formulette stereotipate, ma al contrario si attivano in opere di sana ricerca e di  approfondimento, guidati da una concezione del jazz come grande crocevia di apporti culturali . La rilettura dei capolavori di Charles Mingus realizzata da Maria Vicentini e Salvatore Maiore, se da una parte ne mantiene con grande luminosità l’effervescente fiume tematico, dall’altra ne esalta i valori contrappuntistici, la vocazione per il dialogo, il coraggio della sperimentazione, e il gusto per i colori tipico dell’amato Ellington, ma anche di Oscar Pettiford, qui deliziosamente omaggiato con “O.P.”, e non a caso anche lui violoncellista oltre che contrabbassista. Il tutto con la competenza strumentale, l’impegno nella progettazione del percorso, l’esecuzione “senza trucco e senza inganno”, ma al tempo stesso la leggerezza e la sottile ironia vuoi nelle improvvisazioni quanto negli obbligati che caratterizzano i musicisti maturi ma ancora freschi e creativi, in grado di quel non prendersi troppo sul serio che è in realtà l’anticamera della serietà. Insomma un bel servizio a Mingus, che se ce ne fosse ancora bisogno, si disvela artista dalle ampie visioni, ben oltre quel borioso e vanitoso attaccabrighe da bar dello sport che tante voci (…compresa quella di lui medesimo…) ci hanno superficialmente descritto. More I get older, more I get angry for the banality of the story about jazz and about its characters limited in common places varying from  the “always smiling jolly fellow” to the “genius and recklessness”, passing through a series of readymade sentences I want to spare to you and to myself. More I get older, more I rejoice when I run up into the works of musicians of every generation that do not stop at the stereotyped easy formulas, but, on the reverse, activate in works of research and further analysis, driven by an idea of jazz as an important crossroads of cultural contributions. The new reading of Charles Mingus’ masterpieces carried out by Maria Vicentini and Salvatore Maiore, on one side keeps its sparkling thematic flow with brilliance, on the other enhances its contrapuntal values, the vocation for dialogue, the courage of experimentation, and the taste for colours, typical of the beloved Ellington, but also of Oscar Pettiford, here deliciously honoured with “O.P.”, not by chance he himself being a cellist and a double bass player as well. All this with the instrumental competence, the commitment in planning the course, the performance “without tricks and deceits”, but in the same time the lightness and the subtle irony both in the improvisations and in the obligatos characterising mature but still fresh and creative musicians, so good in not showing themselves too serious, thus showing their seriousness and reliability. All considered, this is a good service paid to Mingus, who, if it were still necessary, reveals to be an artist with wide visions, much more than the arrogant and vain quarrelsome person superficially described by many voices, including his own.  Bruno Tommaso  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
ORGAN WARS

ORGAN WARS

€ 18,00

  John Williams, tra i più grandi compositori di colonne sonore, è senza dubbio anche tra i più raffinati orchestratori contemporanei. Ecco quindi la sfida di trasferire ad uno strumento come l'organo le pagine celebri di film quali Jaws, Close Encounters of the third kind, Memoirs of a Geisha, passando per Schindler's List ed arrivando a veri e propri "cult" del cinema: Star Wars e The Empire Strikes Back. E non un organo qualsiasi ma il grand'organo dell'Auditorium "Cesare Pollini", sede del Conservatorio di Musica di Padova. Un repertorio unico nel suo genere, che consente di valorizzare tutti i registri di questo strumento, dal pianissimo al "tutti" sinfonico, considerando che si è scelto di dare spazio ai vari linguaggi musicali di John Williams, dal più celebrativo ed epico al più intimistico e meditativo, per accontentare i gusti di chi conosce il Williams più blockbuster, ma anche chi conosce o vuole approfondire un Williams meno noto ma altrettanto geniale.  John Williams, among the greatest soundtrack composers, is for sure also one of the most refined contemporary orchestrators. Here now the challenge of shifting the pages of well-known movies such as Jaws, Close Encounters of the third kind, Memoirs of a Geisha, Schindler's List till actual cult movies of the cinema: Star Wars and The Empire Strikes Back from the orchestra to an instrument like the organ.  And I underline he is not using an ordinary organ, but the grand organ of the Auditorium "Cesare Pollini", in the premises of Padua Music Conservatory. A really unique repertory, that allows to make the most of all the registers of this instrument, from pianissimo to the symphonic "tutti", considering that we chose to give room to John Williams’ various musical languages, from the most celebrative and epic to the more intimist and meditative, in order to please the taste of those who know the more blockbuster Williams, but also who know or wish to deepen the knowledge of a less known but nevertheless brilliant Williams.   

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
ITALO BAIANA

ITALO BAIANA

€ 13,50

UPC: 8019349867986 24bit/88.2kHz original digital stereo recording, mixed & mastered live on stage direct to two tracks, using just analog equipment (Rupert Neve Portico Analog Console, Maselec, Millennia Media).  All recordings, mix and mastering as described above were made at Fondazione Musicale Masiero e Centanin, Main Hall, in Arquà Petrarca (Italy), on July 22, 23, 2019 No post production was applied to the original takes: this project is totally editing free.  Lara Cavalli Monteiro, voice David Beltran Soto Chero, guitar Achille Succi, bass clarinet & flute Valerio Galla, percussions Lorenzo Capasso, marimba Beppe Calamosca, trombone Cicadas & Crickets, continuous ambient ItaloBaiana 01 - Rio Doce (David Beltran Soto Chero - Lara Cavalli Monteiro) 4:35  02 - E' doce morrer no mar (Dorival Caymmi)  4:17 03 - Cajuina (Caetano Veloso)  4:37 04 - Reconvexo (Caetano Veloso)  3:24 05 - E' d'Oxum / Canto para Oxum (oro mi maio) (Geronimo Santana / Bantos Iguape)  6:02 06 - Elefante azul (David Beltran Soto Chero - Lara Cavalli Monteiro)  5:26 07 - Travessia (Milton Nascimento)  3:56 08 - Miragem de carnaval (Caetano Veloso)  3:35 09 - Nossa cama (David Beltran Soto Chero - Lara Cavalli Monteiro)  4:37 10 - Coquerais (David Beltran Soto Chero - Lara Cavalli Monteiro)  3:24         Tot. time: 43:56 All arrangements by David Beltran Soto Chero Production: VELUT LUNA Executive producer: Marco Lincetto Musical Producer: David Beltran Soto Chero Recordind, mix & mastering: Marco Lincetto Photo: Marco Lincetto Design: L'Image   Di te resisterà sempre un alito di vita viva perchè da te ho preso la materia per costruire la casa-donna che sono oggi. Tu con me cammini, canti, abbracci. Io con te mi immergo nelle profondità dei più svariati sentimenti, con te tocco la mia anima, la lacero, la ricucio e incontro di nuovo la tua. A te ogni mia nota, mio leone, mio Zumbi, meu Preto. Of you will always resist a breath of life because from you I have taken the matter to build the woman-home I am today. You walk with me, you sing with me, you embrace with me. With you I immerse myself in the depths of the most varied feelings, with you I touch my soul, I tear it up, I sew it up and I meet yours again. To you my every note, my lion, my Zumbi, meu Preto.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
HEART/STRINGS

HEART/STRINGS

€ 13,50

UPC: 8019349997881 heart / strings 1 - Memories (Oscar del Barba - Stefano Bortolussi)  3:21 2 - Rencontre (Oscar del Barba - Luca Ragagnin)  2:13 3 - Lullaby (Oscar del Barba - Enrico Remmert)  4:18 4 - So Look at me (Oscar del Barba -Francesca Tini Brunozzi)  4:15 5 - Per sempre naviganti (Oscar del Barba - Giuseppe Grattacaso)  4:24 6 - In The Whisper of Sighs (Oscar del Barba - Stefano Valanzuolo)  3:33 7 - I Will (Oscar del Barba - Stefano Bortolussi)  3:48 8 - Il nostro amor (Oscar del Barba - Dario Voltolini)  4:07 9 - Highway of the mind (Oscar del Barba - Stefano Bortolussi )  3:48 10 - In volo (Oscar del Barba - Giuseppe Grattacaso)  4:49 11 - Como um tormento ( Oscar del Barba - Marco Bortoli)  4:17 12 - Il ponte (Oscar Del Barba - Dario Voltolini)  3:28          Tot. time:  46:29 Original music & arrangements: Oscar del Barba Poems: Stefano Bortolussi, Marco Bortoli, Giuseppe Grattacaso, Luca Ragagnin, Enrico Remmert, Francesca Tini Brunozzi, Stefano Valanzuolo, Dario Voltolini. Lucia Minetti, voice Quartetto Echos Andrea Maffolini e Ida Di Vita, violins Giorgia Lenzo, viola Martino Maina, cello 24bit / 88.2kHz original recording, made strictly live in studio at Area Magister Studios, Preganziol, Italy, on July, 31 and August 1, 2019 Marco Lincetto choose all tube microphones Ribera R12 and R47 Production: Velut Luna Executive Producer: Marco Lincetto Musical Producers: Lucia Minetti & Marco Lincetto Recording, mix and mastering: Marco Lincetto Wordmaster (editing & English translations): Stefano Bortolussi Translation "Como um tormento": Juliana Folle Beraldo Photo: Marco Lincetto Photo Oscar del Barba: Roberto Cavalli Design: L'Image   Quando ho proposto l'idea di questo disco a Oscar del Barba e Stefano Bortolussi, sapevo di avere a che fare da un lato con un compositore di rara raffinatezza e creatività, e dall'altro con un poeta per il quale la musicalità del verso è un elemento imprescindibile. Sapevo, insomma, che in loro avrei avuto due compagni di avventure in perfetta sintonia con ciò che avevo in mente: qualcosa di nuovo e al tempo stesso un ritorno alle origini. Stefano e io abbiamo raccolto, oltre a tre suoi contributi originali in lingua inglese, i testi di alcuni tra i più bravi poeti e scrittori italiani di questi anni, per i quali ho voluto pormi come una sorta di musa ispiratrice, chiedendo loro di elaborare versi sui grandi temi dell'amore, del desiderio, della lontananza, del ricordo e partecipandovi a mia volta con intuizioni, varianti e suggerimenti. Abbiamo modellato e levigato le parole a noi affidate, in cui ricorrono figure alle quali sono molto affezionata come l'acqua e il viaggio. Successivamente abbiamo affidato i testi alle sapienti mani di Oscar, che li ha messi in musica e orchestrati per quartettod'archi, cesellando le note sui versi con sapienza e profonda ispirazione. Ma soprattutto io ho sperimentato, cantato e interpretato seguendo un’idea di canzone che si distaccasse e prendesse il volo dalle convenzioni; e Stefano e Oscar hanno ascoltato e suggerito a mente aperta. Il risultato, ne siamo convinti, è una volta tanto fedele all'intento di partenza: quello di riallacciare i rapporti tra canzone e poesia, oggi troppo spesso sacrificati sui falsi altari delle rime facili e dell'orecchiabilità. Compagno di viaggi ideale il Quartetto Echos, un gruppo giovane, pieno di entusiasmo, talento e passione e curioso verso i progetti crossover. Garanzia di sempre la grande maestria di Marco Lincetto dietro il banco regia e il suo prezioso apporto come produttore discografico. Questa, dunque, è la nostra idea di canto libero. O forse sarebbe meglio dire "una delle nostre idee", poiché ho la sensazione che ne seguiranno molte altre. Lucia Minetti When I proposed the idea for this album to Oscar del Barba and Stefano Bortolussi, I knew that I was dealing with a composer of rare refinement and creativity and with a poet in whose versesmusicality is an essential element. I knew, in short, that in them I would have two companions of adventures in perfect harmony with what I had in mind: something new and at the same time a return to the origins.  Stefano and I have collected, in addition to his three original contributions in English, the texts of some of the best Italian poets and writers of these years. I wanted to be a sort of inspiring muse for them, asking them to dedicate their verses to the great themes of love, desire, longing and memory, and contributing in turn with insights, variants and suggestions. We molded and polished the words entrusted to us, where certainimages that I am particularly fond of — such as the seas and our travels upon them — are deliberately recurrent. Then we entrusted the words in Oscar's masterful hands, and he set them to music and created the score for string quartet, chiseling his notes around the verses with great skill and inspiration. But above all I experimented, sang and interpreted, following an idea of song that would break away and take flight from any convention; and Stefano and Oscar listened and made their suggestions with an open mind. The result, we are convinced, is for once faithful to our original intent: that of resuming the connections between song and poetry, now too often sacrificed on the false altars of easy rhymes and catchiness. In this journey I found an ideal travel companion in the EchosQuartet a young group overflowing with enthusiasm, talent, passion and curiosity towards crossover projects. All this, as always, has been ensured by the great mastery of Marco Lincetto behind the console and by his precious support as a record producer. This, then, is our idea of canto libero. Or perhaps I should say "one of our ideas", since I have the feeling that many more will follow. Lucia Minetti  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
ILLEGAL LOVE 2

ILLEGAL LOVE 2

€ 15,00

01 - Calling You  (Bob Telson) 02 - The Way You Make Me Feel  (Michael Jackson) 03 - Smooth Operator  (Sade Adu, Ray St.John) 04 - Street Life  (Joe Sample, Randy Crawford) 05 - Lover Man  (Jimmy Davis, Roger Ramirez, James Sherman) 06 - Maha Bratha 2  (Enrico Santacatterina, Massimo Tuzza) 07 - Jolene  (Dolly Parton) 08 - Nothing Compares 2 You  (Prince) 09 - Wicked Game  (Chris Isaak) 10 - Drums Take 2  (Massimo Tuzza) 11 - Wonder Why  (Enrico Santacatterina) 12 - Mad About You  (Alex Callier) 13 - Rolling In The Deep  (Adele Adkins, Paul Epworth) 14 - Always Remember Us This Way  (Lady Gaga, Natalie Hemby, Hilary Lindsay, Lori McKenna) 15 - Against All Odds  (Phil Collins)   Chiara Pastò, voice Enrico Santacatterina, guitars, acoustic bass and chorus Massimo Tuzza, drums and percussions   Special Guest: TRUE VOICE GOSPEL CHOIR, Anna Tosato, conductor   88.2kHz / 24bit digital recordings made at: - Guitars and Acoustic Bass, Velut Luna Studios, Casalserugo, on April 9 - 10, 2019 - Drums and Percussions, Area Magister Studios, on April 15 - 16, 2019 - Voice, Velut Luna Studios, Casalserugo, on April 17 - 18 - 19 - 20, 2019 - Chorus, Velut Luna Studios, Casalserugo, on April 23 - 24, 2019 - Gospel Choir, Santa Croce Reharsal Hall, on May 7, 2019   88.2kHz / 24bit digital mix and analog mastering made at Velut Luna Studios, Casalserugo, on April 25 - 26 - 27 - 28 - 29 and May 8, 2019   Production: VELUT LUNA Executive Producer: Marco Lincetto Musical Producer: Enrico Santacatterina Recording, Mix & Mastering Engineer: Marco Lincetto Photo: Marco Lincetto Videomaker: Michele Sartor Graphics and Design: L'Image   CROWDFUNDING PROJECT - VERY SPECIAL THANKS TO OUR SUPPORTERS Roberto Brignoli, Giorgia Brignoli, Barbara Tengattini, Emanuele Tasinato Fulvio Strain, Paolo Varotto, Andrea Capuzzo, Sergio Capellini, Daniela Marchese, Larissa Capellini, Siebrand Agter, Massimo Villa, Maria Teresa Bozza, Francesco Pesavento, Emanuela Dalla Valle, Alessandro Pasin, Cinzia Testa, Mauro di Giorgio, Alberto Giaccaglia, Rebecca Luciana.   Questo disco si avvale anche del contributo economico del PROGETTO LPM, nato da un atto di mecenatismo privato e finalizzato a sostenere l'avvio all'attività professionale dei giovani eccellenti fra i laureandi e neo laureati dai Conservatori di Musica del Veneto.       ILLEGALOVE è un concept album. E' un viaggio musicale alla scoperta dell'Amore: quello un po' scomodo, a volte disperato, a volte maledetto, raccontato da alcune delle più note canzoni del rock e del pop internazionale degli ultimi 40 anni. Come da tradizione Velut Luna, Chiara Pastò, Enrico Santacatterina e Massimo Tuzza, non si limitano a rieseguire semplici cover, ma grazie agli straordinari arrangiamenti e alla produzione musicale di Enrico Santacatterina, il Trio ci offre una serie di riletture assolutamente orginali e totalmente inedite di brani pur notissimi al grande pubblico. Le più diverse chitarre di Enrico - 12 corde, Dobro, XOX, Godin - e i suoni elettronici dei suoi synth, vengono rivestiti dai variegati e ricchissimi colori delle percussioni di Massimo Tuzza e sigillati dalla voce impressiva e cristallina di Chiara Pastò. Marco Lincetto   ILLEGALOVE is a concept album. It's a musical journey to discover the secrets of Love: that one a little bit desperate, sometimes accursed, told us by some of the most famous international rock and pop songs from the last 40 years. According to the famous "Velut Luna Style", Chiara Pastò, Enrico Santacatterina and Massimo Tuzza offer not simple covers of some of the most famous songs ever, but new astonishing performances, due to the original arrangements by Enrico Santacatterina, including various different guitars - 12 strings, dobro, XOX, Godin... - absolutely new sounds from sinth machine, the rich colors granted by the percussions of Massimo Tuzza and last but not least, the impressive and crystal clear voice of Chiara Pastò. Marco Lincetto   

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
VOCI DI LUNA 2

VOCI DI LUNA 2

€ 13,50

01 - Lara’s Theme - from "Doctor Ziwago" (M.  Jarre) 02 - Tara’s Theme - from "Gone With The Wind" (M. Steiner) 03 - Lawrence d’Arabia - from the same name movie  (M. Jarre) 04 - Where Do I Begin - from "Love Story" (F. Lai) 05 - Eternally - from "Limelight" (C. Chaplin) 06 - Love is A Many Splendored Thing - from the same name movie  (S. Fain - L. Christiansen)  07 - The Entertainer - from "The Sting" (S. Joplin) 08 - An American In Paris - from the same name movie (G. Gershwin) 09 - The Man I Love (G.Gershwin) 10 - Tonight - from "West Side Story"  (L. Bernstein)   11 - Maria - from "West Side Story" (L. Bernstein)  12 - Melodia Orientale (A. Salvemini)  13 - Schindler’s List - from the same name movie (J. Williams)  14 - The Tango Jealousy (J. Gade) Total Time: 47'48" 24bit/88.2kHz original recording made strictly live-in-studio at Areamagister Studios, Preganziol, Italy, on September 4, 2018 Silvana Libardo plays Steinway & Sons D274 Concert Grand piano Production: VELUT LUNA Executive producer: Marco Lincetto Musical producers: Duo Salvemini - Libardo Recording, mix & mastering engineer: Marco Lincetto Editing engineer: Mattia Zanatta Layout: L'Image Cover painting: Renata Salvemini Rear photo: Antonio Spalluti A great selection of famous themes from the most famous original soundtracks, arranged for flute and piano in classical style   Duo Salvemini - Libardo A great passion for music: that’s the flute and piano Duo Salvemini – Libardo , daughter and mother. With the focus in artistic expression, the Duo, born in 1990 with the debut of young flutist, who started her concert career playing the most significant compositions of the chamber music repertoire for flute and piano. Francesca e Silvana had about five hundred concerts in Italy and abroad, also for prestigious organizations in USA, Mexico, South America, with a repertoire ranging from Baroque to Contemporary music, greeted by the unanimous consent of the public and critics. In 2007 they recorded “Voci di Luna” with original arrangements of popular soundtracks of Italian Cinema and the same year presented in Brindisi and in Milan-Top Audio Video Show. Francesca Salvemini and Silvana Libardo has been publishing music for flute and piano and teach Masterclasses in Italy and abroad (University of USA and South America). In 2015 they celebrate their 25th Anniversary of this beautiful artistic collaboration with a special concert held in the famous Hall of the MSC Magnifica in the port of Brindisi (Francesca’s place of birth).       

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PIAZZOLLA - SOLO PIANO

PIAZZOLLA - SOLO PIANO

€ 13,50

      LOREDANA PILUSO è una pianista siciliana che da anni vive e lavora in Veneto. Ha iniziato giovanissima lo studio del pianoforte, diplomandosi all’età di 20 anni con il massimo dei voti. Si è perfezionata con Maestri internazionali, intraprendendo una brillante attività concertistica che l’ha portata ad esibirsi in Italia e all’estero. Attualmente suona sia in qualità di solista che in formazioni di musica da camera; lavora al fianco di attori e coreografi, curando le musiche di produzioni internazionali inedite. Questo progetto discografico nasce in collaborazione con il Maestro costruttore di pianoforti Luigi Borgato che, per l’occasione, le ha dato la possibilità di registrare sulla sua ultima creazione, il BORGATO GRAND PRIX 333.  BORGATO GRAND PRIX 333 Si chiama GRAND PRIX 333 ed è il pianoforte più grande al mondo, con la sua lunghezza effettiva di tre metri e trentatre centimetri: circa cinquanta centimetri in più rispetto ai tradizionali pianoforti gran coda, che possono toccare mediamente i due metri e settanta o i due metri ed ottanta..  Lo strumento è costruito interamente a mano, usando preziose essenze lignee: il palissandro per il rivestimento interno; l’acero per i ponticelli; il faggio come cuscino della meccanica; il carpino per le leve e l’ebano per i tasti neri. Fino all’abete armonico, il legno magico che fa «suonare» lo strumento. In particolare il legno di abete utilizzato per il Grand Prix 333 è selezionato personalmente da Luigi Borgato e ricavato dal bosco di Passau, in Germania, ed è caratterizzato da una straordinaria peculiarità, ovvero garantire una velocità del suono pari a seimila metri al secondo, contro i tremila degli abeti normali.  Questo pianoforte è composto da oltre 15 pezzi e pesa oltre 700kg e la sua costruzione richiede più di 135 giorni lavorativi. Il GRAND PIX 333 è oggi considerato il nuovo riferimento assoluto nel mondo, uno strumento che apre nuovi orizzonti per le possibilità espressive del suono del pianoforte. Velut Luna è la prima etichetta discografica nel mondo a pubblicare una registrazione del BORGATO GRAND PRIX 333.     LOREDANA PILUSO is a Sicilian pianist who has lived and worked in Veneto for many years. She began studying piano at a very young age, graduating at the age of 20 with the highest grade. She completed advanced training with international masters, undertaking a brilliant concert activity that led her to perform in Italy and abroad. She currently performs both as a soloist and in chamber music ensembles, and works together with actors and choreographers, curating the music of original international productions. This recording project is the result of her collaboration with the piano manufacturer Luigi Borgato who, on this occasion, gave her the chance to play his latest creation, BORGATO GRAND PRIX 333. GRAND PRIX 333, 10,93ft long, is the greatest and the longest concert grandpiano in the world: about 1,64ft longer than the traditional others concert grand pianos. It is completely handmade, using precious woods such as rosewood for the inside covering, mable for the bridges, beech as headrest for the mechanic, hornbean for the levers and the ebony for the black keys and, last but not least, the "magic" spruce - personally selected by Luigi Borgato from the famous Spruce Wood in Passau, Germany - which is especially in charge for the extraordinary speed of the sound, 9.842 ft/second instead of the usually 4.921 ft/second of all the others spruce wood. This grand piano is made using more than 15.000 pieces and weigh about 1.500 lb. His building takes more than 135 working days. The GRAND PRIX 333 is actually considered the new reference all over the world, opening new horizon to the expressive chance of the sound of the piano. Velut Luna is the first company ever to publish a recording fo Borgato Grand Prix 333      

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
J.S. BACH

J.S. BACH

€ 13,50

Alcune celebri e meno note composizioni di J.S. Bach ispirate alla musica italiana sua contemporanea e interpretati al clavicembalo da Roberto Loreggian, uno dei più prestigiosi e accreditati musicisti italiani. Roberto Loreggian.  Dopo aver conseguito, col massimo dei voti, il diploma in organo e in clavicembalo, si è perfezionato presso il Conservatorio di L’Aja (NL) sotto la guida di Ton Koopman. La sua attività lo ha portato ad esibirsi nelle sale più importanti: Parco della Musica – Roma, Sala Verdi – Milano, Hercules saal - Monaco (D), Teatro Colon - Buenos Aires, Kioi Hall – Tokyo, Sala del conservatorio di Mosca… per i più importanti festival: MITO, Sagra Malatestiana, Festival Pergolesi Spontini, Festival dei due mondi Spoleto, Accademia di Santa Cecilia, Serate Musicali Milano… collaborando sia in veste di solista che di accompagnatore con numerosi solisti ed orchestre, Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Orchestra da camera di Mantova, Orchestra di Padova e del Veneto, I Virtuosi Italiani, L’arte dell’arco, I Barocchisti… Ha registrato numerosi CD per case discografiche quali Chandos, Brilliant, Deutsche Harmonia Mundi, Decca, Tactus, Arts… segnalati dalla critica internazionale. Ha registrato l'integrale della musica di G. Frescobaldi per l'etichetta Brilliant vincendo con il I volume il 'Premio Nazionale del Disco Classico 2009' e per la stessa etichetta l'integrale della musica per tastiera di A. Gabrieli, l'integrale dei concerti per clavicembalo e archi di B. Galuppi ed alcuni cd per clavicembalo dedicati a Haendel e Telemann. Le registrazioni dedicate alla musica per clavicembalo di B. Pasquini (Chandos-Chaconne) e di G. B. Ferrini (Tactus) sono risultati vincitori del 'Preis der deutschen Schallplattenkritik'. Insegna presso il Conservatorio 'C. Pollini' di Padova. Roberto Loreggian.  Having achieved, with the highest grades, a diploma in organ and harpsichord, he perfected his talents at the Conservatory of The Hague (NL) under the direction of Ton Koopman. His activities led him to perform in the most important halls: Parco della Musica - Rome, Sala Verdi - Milan, Hercules Saal - Munich (Germany), Teatro Colon - Buenos Aires, Kioi Hall - Tokyo... at highly important festivals: MITO, Sagra Malatestiana (Malatestiana Festival), Pergolesi Spontini Festival, Accademia di Santa Cecilia, musical evenings... performing both as a soloist accompanist and soloist with numerous orchestras, Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, Chamber Orchestra of Mantova, the Orchestra of Padua and the Veneto, I Virtuosi Italiani, L'Arte Dell'Arco, I Barocchisti... He has recorded numerous CDs for record labels such as Chandos, Tactus, Arts... which have been internationally acclaimed. He has recorded the complete collection of keyboard music by G. Frescobaldi for the label 'Brilliant' winning the 'National Award for Classic Music Track 2009', for the same label he recorded the complete keyboard music of A. Gabrieli, the complete Harpsichord concerts of B. Galuppi and the harpsichord music of G. F. Haendel. His recordings devoted to harpsichord music by B. Pasquini (Chandos Chaconne) and by G. B. Ferrini (Tactus) received the award 'Preis der Deutschen Schallplattenkritik'. He teaches at the Conservatory 'C. Pollini' in Padova, Italy.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
AUDIOPHILE MUSICAL JOURNEY

AUDIOPHILE MUSICAL JOURNEY

€ 15,00

Lo scopo di questo disco è quello di farvi apprezzare musica di eccezionale interesse, suonata da musicisti di assoluto valore, registrata secondo criteri di eccellenza assoluta.  Grazie poi a queste note a margine che seguiranno vogliamo mettervi in grado di conoscere come questo disco deve suonare correttamente e quindi offrirvi uno strumento per valutare come il vostro impianto di riproduzione si comporta in relazione a come dovrebbe comportarsi... Questo non significa a priori che, qualora il vostro impianto proponga un suono differente da quanto indicato in questa guida, suoni "male": significa, appunto, e solamente, che propone un suono differente da quello indicato da chi ha realizzato la registrazione.  Se il suono proposto dal vostro impianto, pur differente da quanto indicato qui, è di vostro gradimento, non esiste alcun obbligo per voi di cambiare alcunchè. Questo disco è solo una "cartina tornasole" nata per fornirvi alcune informazioni aggiuntive, che a vostra totale discrezione potrete ritenere utili o meno e grazie alle quali potrete scegliere se continuare ad ascoltare il vostro impianto così com'è oppure apportare qualche lieve o anche sostanziale modifica. Noi non offriamo alcuna legge scolpita nella pietra... Offriamo solo indicazioni aggiuntive rispetto a quanto normalmente trovate negli altri dischi. L'impianto d'ascolto utilizzato per compilare questa guida è il medesimo impianto di monitor utilizzato in sede di produzione ed è composto dai seguenti apparecchi, inserito nell'ambiente di cui alla piantina stilizzata pubblicata a fianco: Lettore CD + DAC:  NORTH STAR DESIGN,  Meccanica 192 + DAC SUPREMO Preamplificatore:  NORMA SC-2  Diffusori multiamplificati L + R: GENELEC 1037C Subwoofer:  GENELEC 7070 Cablaggi: Meccanica --> DAC:  WHITE GOLD I2S DAC --> Preamplificatore --> Diffusori:  VELUT LUNA WIRE, bilanciati e costruiti su nostre specifiche The aim of this record is to let you appreciate particularly interesting music, played by first class musicians, recorded according to absolute excellence criteria.  Moreover, thanks to the following side notes, we wish to make you able to know how this record has to be correctly played and therefore offer you a tool to evaluate how your reproduction equipment behaves, in relation to how it should behave... This does not mean, a priori, that, in case your equipment indicates a different sound from the one indicated in this guide, that it sounds “badly”: it actually and only means that it suggests a different sound from the one indicated by the person/s  who has/have made the recording.  If you are satisfied with the sound suggested by your equipment, though different from the one here indicated, there is no obligation to change anything. This record is only a "litmus paper" created to provide you with some extra info, you might consider useful or not and thanks to which you could freely choose if you wish to either listen to your equipment as it is or make some slight or substantial change. We are not going to offer any law carved in stone… we only offer extra indication to the ones you usually find in other records. The listening equipment used to carry out this guide is the same monitor equipment used while producing it and is made of the following devices and set in the studio outlined in the plant published besides: CD + DAC:  NORTH STAR DESIGN,  player 192 + DAC SUPREMO Pre-amplifier:  NORMA SC-2  Multi-amplified Speakers L + R: GENELEC 1037C Subwoofer:  GENELEC 7070 Wiring: Mechanic --> DAC:  WHITE GOLD I2S DAC --> Pre-amplifier --> Diffusors:  VELUT LUNA WIRE, balanced and built upon our specifications  

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
CLOSE-LAMB-WHITE-WALLS

CLOSE-LAMB-WHITE-WALLS

€ 16,00

Uno degli aspetti rilevanti di questo sesto album ufficiale dei Twenty Four Hours è la collaborazione, per il sesto album della band, dei membri fondatori dei Tuxedomoon Blaine L. Reininger e Steven Brown. Blaine suona il violino e canta, mentre Steven suona il sax rispettivamente nei brani "Intertwined" e "All The World Needs is Love". Inoltre sono incluse ben due cover del mitico pezzo dei Tuxedomoon "What Use" in versione elettronica e acustica.  Il nuovo album, doppio, è ispirato volutamente, nella forma e nella sostanza, ai quattro album bianchi più importanti della storia del rock:  Closer dei Joy Divion, The Lamb Lies Down On Broadway dei Genesis, White Album dei The Beatles e The Wall dei Pink Floyd A differenza del precedente Left-To-Live, non si tratta di un concept album, ma di una raccolta di brani che abbracciano molte fasi della vita creativa della band comprendenti anche vene ambient ("Intertwined"), una lunga suite ispirata a Supper's Ready dei Genesis ("Supper's Rotten"), ove viene esasperata la profonda mutazione dei valori, rispetto a quelli del passato, brani rock ("The Tale of The Holy Frog") e punk (77). In quest'ultimo, che apre l'album, si incontrano atmosfere aggressive PUNK con echi dei King Crimson, con una spettacolare battaglia finale senza esclusione di colpi fra organo Hammond e chitarra Hendrixiana.  La produzione è stata curata da Paolo Lippe e Andrea Valfrè, mentre il mix e mastering in dominio totalmente analogico sono stati affidati all'ormai consolidato duo Valfrè/Lincetto che hanno agito in sinergia per offrire una qualità sonora straordinaria.  Biografia completa:  https://it.wikipedia.org/wiki/Twenty_Four_Hours The band collaborate with the founding members of the Tuxedomoon Blaine L. Reininger and Steven Brown in this new album. Blaine has already played and sung in a song called "Intertwined", while Steven plays saxophone in the song "All The World Needs is Love". The new album, entitled "Close - Lamb - White - Walls" will be published in October 2018 and will contain 2 different covers (electronic and acoustic) of the famous song by Tuxedomoon "What Use" together with a cover of the lost old song of Pink Floyd Embryo in a sort of Medley. Twenty Four Hours is an Italian progressive rock band with various influences, including the psychedelic one that is the predominant element. After their first album, strongly encouraged by Nick Saloman (The Bevis Frond) and entitled "The Smell of The Rainy Air", a self -produced vinyl in January 1991 (published on the day after the outbreak of the Gulf War), the group has acquired a certain notoriety thanks to the welcome of specialized music critics signaled the debut of the band among the best releases of 1991.  In 1992, following this small and unexpected success, the band was hired by Mellow Records of Sanremo, a label specializing in progressive rock, and later by the French label Musea. In 1994, Mellow published the second album, "Intolerance," and reprinted The Smell Of The Rainy Air on CD.  In 1999, Musea published the third album, Oval Dreams, which became their best seller  and is also available on iTunes, the popular Apple platform for online sales of liquid music. The band has also participated in some compilations of Progressive Rock and has published, under Creative Commons, a collection of previously unreleased tracks titled Before and After The Boundary. The band's latest album, The Sleepseller, was published in 2004 in collaboration with Musea who oversaw the distribution. The first track of this album, "Bari Brazil," was recently selected as the soundtrack of the video communications agency Mirror.  All works of the band are available for legal download, and can be purchased in CD format by Musea, Mellow  and Velut Luna.  Full Bio:  https://en.wikipedia.org/wiki/Twenty_Four_Hours_(band)  

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
AT TIME IT IS

AT TIME IT IS

€ 13,50

  Dopo due dischi, Weke music for piano & string e Eclectic Inside, dedicati fondamentalmente alla composizione per pianoforte e string orchestra, At times it isvuole essere un ritorno ad un processo creativo che mira, attraverso il trio jazz (piano, basso elettrico e batteria), la viola e il canto, alla essenzialità della forma e dello stile senza rinunciare ai tratti distintivi che da sempre caratterizzano il mio stilo compositivo ovvero la voglia di raccontare delle storie nel segno del crossover style. Le composizioni, tra di loro differenti per stile, pathos e forma, si caratterizzeranno sempre da una struttura formale solida legata al jazz cameristico influenzato dal pop, funky, latin e alcuni stilemi ritmici e melodici tipici della cultura araba. Da sempre sono convinto che ciò che accomunala musica dei nostrigiorni, in particolare il jazz, e la musica del passato, in particolare quella barocca, è che in entrambi i generi è possibile suonare anche “ciò che non è scritto”. Da ciò è nata l’esigenza di omaggiare “a modo mio” due compositori del passato ma al contempo modernissimi come J. S. Bach e Girolamo Frescobaldi che hanno fortissimamente influenzato la mia formazione musicale. Infine un grazie ai miei compagni di questa avventura i quali hanno condiviso “la mia idea di fare musica”. Vincenzo Cipriani nato a Bad Canstatt (Germania) il 12 Ottobre 1969, pianista, organista e compositore, è docente presso il Conservatorio E.R. Duni di Matera di armonia jazz, ritmica della musica contemporanea, ear training. Ha pubblicato due cd di sue composizioni inedite Weke music for piano & string (Velut Luna, 2010), Eclectic Inside (Farelive, 2018). Ha tenuto tourneè internazionali in Cina,Hong Kong, Lithuania, Belgio, Brasile, Thailandia, Turchia, Egitto, Romania, El Salvador, Germania e Francia. Ha eseguito le sue composizioni in reading teatrali collaborando con diversi attori tra cui Giancarlo Giannini, Michele Mirabella, Silvia D’Amico.            

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
GUSTAV MAHLER - Symphony N. 1 in D Major, Titan

GUSTAV MAHLER - Symphony N. 1 in D Major, Titan

€ 13,50

CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE di Leopoldo Armellini, direttore del Conservatorio C.Pollini La scelta di eseguire la Sinfonia n. 1 “Titano” di G. Mahler è stata difficile, ma non troppo. Di certo ha prevalso la volontà di cimentarsi con un brano del grande repertorio sinfonico molto conosciuto, musicalmente complesso e tecnicamente ostico. Il rischio di mostrarsi presuntuosi quanto inadeguati era pericolosamente incombente. Ma tant’è, è prevalsa la temerarietà ed è stato giusto che sia stato così anche dal punto di vista meramente didattico. Eseguire il Titano ha significato alzare di molto l’asticella per gli studenti chiamati a comporre un’orchestra sinfonica di 100 elementi. Tuttavia, se l’esecuzione fosse stata anche solo sufficiente, avrebbe rappresentato una pietra miliare per i giovani orchestrali stabilendo idealmente un prima e un dopo il “Titano”. Dunque, partendo dalla fine, non potrò mai dimenticare gli occhi degli studenti dopo il concerto: 50 minuti tiratissimi, dall’inizio alla fine senza mollare mai con la concentrazione, senza indulgere neanche per un secondo a considerazioni auto laudatorie dopo aver eseguito bene un passo difficile. Nulla di tutto questo e i ragazzi se ne sono accorti perché dalle loro espressioni si poteva vedere che musicalmente, e forse anche umanamente, avevano compiuto un salto. Era come se a quel punto nulla potesse essere impossibile per loro considerando il punto di partenza delle prime prove, quelle per sezioni orchestrali. Credo che buona parte degli orchestrali credesse che in realtà il Titano non si sarebbe eseguito, che dopo le prime prove il Docente di Esercitazioni Orchestrali, Giuliano Medeossi, avrebbe detto:” bene, ragazzi, torniamo al classicismo viennese che è meglio!”. E invece, giorno dopo giorno, battuta dopo battuta è arrivato il punto di non ritorno ovvero quando diventa consapevolezza comune che “si può fare!”. Non si può dire sia stato facile, è stato molto complicato anche perché essendo gli esecutori degli studenti (spesso anche di liceo o Università) era impossibile pretendere la presenza simultanea di tutti, in tutti i giorni di prove. In questo, il Docente è stato un vero prestigiatore, anzi, un’alchimista: con quello di cui disponeva di giorno in giorno ha costruito una cattedrale sonora di incredibile bellezza. L’esecuzione è stata fonte di fortissime emozioni. Dalla platea, in certi momenti, si percepiva nettamente il pubblico respirare con l’orchestra e il livello di empatia, grazie anche allo splendore della musica, era tale che non pochi spettatori si ritrovarono in lacrime al termine dell’esecuzione. Il CD del Titano eseguito dall’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Padova non è per gli ascoltatori che pretendono la perfezione euclidea. A costoro consiglio l’acquisto di una versione registrata in studio, con centinaia di tagli e insert. Questa è un’esecuzione live e si sente chiaramente, compreso il trascinamento di una sedia di un esecutore che curiosamente sembra l’attacco fuori tempo di un corno. Tuttavia, essendo chi vi racconta questa storia un vecchio orchestrale reduce da tante battaglie, vi posso assicurare che la dinamica (escursione piano-forte), i colori, la timbrica e l’energia globale espressa dall’orchestra sono assolutamente coinvolgenti ed emozionanti. Le imprecisioni (per la verità, poche) sono contenute e assorbite da un contesto generale di fortissimo coinvolgimento ed emozione. Peraltro, chiunque tra voi volesse verificare, è possibile ascoltare su youtube esecuzioni di orchestra blasonate non proprio perfettissime. Dunque, questo disco ha un suo perché, ha un suo scopo. Innanzitutto per far crescere un centinaio di ragazzi straordinari, e in seconda istanza per far vivere ad una platea più vasta l’emozione irripetibile di una serata, quella del 25 marzo 2018, che rimarrà nei cuori e nella memoria di tutti gli spettatori dell’Auditorium “C. Pollini” di Padova.   

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
LE NOZZE DI FIGARO -50%

LE NOZZE DI FIGARO

€ 20,00 € 10,00

DVD Video (x2) LE NOZZE DI FIGARO Musica di WOLFGANG AMADEUS MOZART (1756-1791) Libretto di LORENZO DA PONTE (1749-1838) Recorded live at Teatro Olimpico, Vicenza, 6/2016 Region: 0 Video system: PAL 16:9 Audio: PCM linear - Stereo 24bit/48kHz “Uno dei piu grandi capolavori musicali di tutti i tempi nel più antico e spettacolare teatro del mondo: Figaro e il Conte di Almaviva interagiscono mirabilmente con le magniloquenti statue del Teatro Olimpico in un gioco affascinante che fonde insieme tradizione e modernità.” “One of the greatest musical masterpieces of all time in the most ancient and spectacular theater in the world: Figaro and the Count of Almaviva interact admirably with the magniloquent statues of the Teatro Olimpico in a fascinating game that blends tradition and modernity” Il Conte di Almaviva:  Marco Bussi  La Contessa: Patrizia Biccirè Susanna:  Carolina Lippo Figaro:  Daniele Caputo  Cherubino:  Margherita Rotondi  Marcellina:  Giovanna Donadini Bartolo:   Antonio De Gobbi  Antonio:  Claudio Zancopè  Basilio:  Filippo Pina Castiglioni Curzio:  Elvis Fanton  Barbarina:  Francesca Cholevas Coro I polifonici vicentini maestro del coro:  Periluigi Comparin maestro al cembalo:  Stefano Gibellato Orchestra di Padova e del Veneto maestro concertatore e direttore:  Giovanni Battista Rigon  elementi scenografici Carla Conti Guglia costumi Riccardo Longo disegno luci Claudio Cervelli  regia Lorenzo Regazz video GC Records  audio Matteo Costa fotografie Luigi De Frenza  

Aggiungi al carrello

10,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
ORIGINAL COMPOSITIONS FOR PIANO

ORIGINAL COMPOSITIONS FOR PIANO

€ 13,50

  Considero questi miei lavori per pianoforte quasi come un diario di un paradossale tentativo di superare il sentimento della crisi attraverso la musica. La consapevolezza che - nonostante tutto - la composizione sia un atto di condivisione e una continua ricerca di immortalare un presente troppo complesso e sfaccettato per essere degnamente celebrato, mi impedisce di considerare queste opere come un qualcosa di finito.  Voglio sperare che perciò l’enigma della creazione musicale parli al posto delle parole, e che la musica prenda vita al di là di tutto ciò che può esser detto. In questo senso per me la musica diventa una testimonianza di una singolarità - cioè di tutto ciò che non può essere comunicato ma solo mostrato – ma anche di una realtà percepita nell’atto creativo come un qualcosa di profondamente caotico, e instabile. E tuttavia voglio anche ribadire che rifiuto ogni possibile identificazione tra autore e opera, e mi auguro che in futuro la mia musica possa in qualche modo prendere nuova linfa da sempre diverse forme d’ascolto e di interpretazione, che finalmente tradiscano “la volontà del compositore”. “In verità, o miei fratelli, con altri occhi cercherò allora quelli che ho smarrito: d’un altro amore allora vi amerò”.  Friedrich Nietzsche: “Così parlò Zarathustra”.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PETITE MESSE SOLENNELLE - Original Version for 12 Soloists (Passy,1863)

PETITE MESSE SOLENNELLE - Original Version for 12 Soloists (Passy,1863)

€ 13,50

“Dodici cantori di tre sessi, uomini donne e castrati, saranno sufficienti per la sua esecuzione. (…) Un totale di dodici cherubini”. È quanto prescrive il settantunenne Rossini sulla partitura della Petite messe solennelle composta a Parigi nel 1863, più di trent'anni dopo l'enigmatico ritiro dalla scena operistica. L'organico è completato dall'accompagnamento di due pianoforti e un harmonium: Rossini pensava infatti ad un'esecuzione tra pochi intimi, nella cappella privata della famiglia Pillet-Will, dedicataria della messa. Proprio la dimensione “cameristica” di questo capolavoro è ciò che abbiamo cercato di recuperare in questa esecuzione, registrata dal vivo al Teatro Olimpico di Vicenza con un ensemble di giovani cantanti del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, veri talenti, alcuni dei quali già presenti nella programmazione di importanti teatri. Si tratta con ogni probabilità della prima esecuzione italiana della versione originale, certamente la prima in assoluto in cui nei ruoli solistici si alternano via via tutti i componenti dell'ensemble. Il testo latino della messa cattolica viene di volta in volta intonato dall'intero ensemble (nel Kyrie iniziale, o nelle due grandi fughe del Cum Sancto Spiritu e dell'Et vitam), a volte con interventi in antifona di un quartetto di solisti (Gloria e Sanctus), oppure affidato a momenti solistici di grande efficacia (il Domine Deus del tenore, il Quoniam del basso, il Crucifixus e il Salutaris hostia del soprano), o declinato in concertati a due o tre voci (Qui tollis, Gratias agimus tibi). Non manca neppure un intermezzo puramente strumentale all'Offertorio (Prélude religieux al primo pianoforte), ma il momento forse più commovente dell'intera messa Rossini lo riserva alla prediletta voce del contralto, che intona in antifona con il coro lo struggente Agnus Dei conclusivo. Nel 1867, qualche anno dopo la data di composizione, Rossini si premurerà di orchestrare l'accompagnamento della sua piccola messa (forse nel timore che altri vi ponessero mano) e in questa versione essa viene spesso eseguita, così come le parti corali vengono spesso affidate a grandi compagini in cui i “cherubini” rossiniani da dodici che erano diventano qualche decina. La musica acquista certamente monumentalità, si perdono però la freschezza, la grazia, la trasparenza,  tutto l'autoironico understatement che traspare anche nei commenti autografi che accompagnano la partitura: “Dodici sono anche gli apostoli nel celebre affresco di Leonardo detto La cena e – chi lo crederebbe – tra i tuoi discepoli ce ne sono alcuni che prendono delle note false! Signore, rassicùrati, prometto che non ci saranno Giuda alla mia cena e che i miei canteranno giusto e con amore le tue lodi e questa piccola composizione che è, purtroppo, l'ultimo peccato della mia vecchiaia.”        

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
LANDSCAPES - Classic Piano Solo

LANDSCAPES - Classic Piano Solo

€ 13,50

Compositore, pianista e fotografo: tre forme di espressione artistica, elencate in ordine rigorosamente alfabetico, che si riuniscono in una sola persona, ai massimi vertici qualitativi. E sono tre Arti che in Edoardo Brotto sono inevitabilmente interconnesse fra loro: le composizioni musicali sono direttamente collegate alle immagini della natura che lui prima "percepisce" e poi cattura con il suo obiettivo fotografico. Sono fonte di ispirazione e la sua musica ne descrive i colori e le forme. Ed infine il pianista traduce queste immagini articolandole in "suono". Il pianista vicentino crea le sue composizioni improvvisando direttamente alla tastiera in tempo reale, a volte nello stile di alcuni grandi autori della storia della musica (e già questa è una virtù non indifferente che presuppone in ogni caso una profonda conoscenza della materia) e molto più spesso con una vena creativa originale ed unica. Il fatto è che le composizioni che nascono da queste "improvvisazioni" sono pagine di altissimo virtuosismo tecnico, oltreche spessore musicale, nè più nè meno che la musica dei compositori del passato che a volte le hanno in qualche modo ispirate. Parlando della musica nello specifico, posso semplicemente affermare con serenità che ogni brano è caratterizzato da difficoltà musicali e tecniche trascendentali. Si tratta di musica bellissima dove le arduità non sono fini a sè stesse o ad un mero virtuosismo, ma esclusivamente funzionali alla pura struttura musicale dei contenuti e delle vere e proprie immagini, "fotografate e sviluppate" dalla sua creatività. E', infine, musica tonale, ovvero comprensibile a tutti, ma per nulla banale: è una musica che si abbevera dei grandi classici, li metabolizza e ne ricava una luce nuova, di continuità, ma rivolta verso il futuro. Nè manieristica, nè irrispettosa, nè tronfia o banale.

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
TERRA MATER

TERRA MATER

€ 13,50

Il disco raccoglie la nostra musica e il tempo vissuto in questi ultimi due anni, ma accoglie anche gli echi di una realtà più grande. Ci siamo conosciuti quasi per caso, cinque giovani, mille passioni diverse ma un comune sentire: così abbiamo trovato una strada da percorrere insieme. Abbiamo iniziato cercando fra i versi di Lucrezio l’origine della musica, vi abbiamo scoperto l’inizio della nostra musica. Da allora la ricerca si è volta al patrimonio sonoro dei popoli mediterranei, cercando di far viaggiare in terre lontane noi stessi e chi ci ascolta. Durante il cammino abbiamo scoperto il potere unificante della musica, che ci consente di far prendere per mano popoli diversi e non sempre in pace, di far risuonare sulle stesse corde canti di culture distanti. Questo disco è una tappa di questo lungo viaggiare.   This record holds our sounds, the beautiful time we passed together, and echoes from an even bigger reality. We met by chance as five young completely different people but were united right from the start by a common musical idea. We began our artistic research through the melodies of Latin poet Lucrezio and little did we know that through him we would soon find our musical inspiration. This first discovery helped us focus our music on the Mediterranean culture making our first desire that of ideologically conveying our listeners to those lands. Music in our opinion has an incredibly unifying power amongst cultures both in conflict and in peace. This is the motive that pushes us to search for new cultures and new musical traditions. Ensemble Terra Mater, Irene, Ruben, Nicola, Francesco & Angela         

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
MUSICAL PORTRAITS

MUSICAL PORTRAITS

€ 13,50

Giorgio Gaslini (1929-2014) Moto Velocetto Pepetuo "Con assonanza vagamente paganiniana rappresenta il fluire continuo di linee agili che attraversano la partitura, contrappuntata da scatti nervosi e qua e l? da un corale risonante" Giorgio Gaslini (2006) Domenico Giannetta (1974) Modus (2008) ?Il brano, di forma tripartita (Con moto ? Poco Andante ? Tempo I), ? caratterizzato da un tono mestamente elegiaco con dei temi basati su frammenti di scala ottatonica, una fitta rete contrappuntistica, e delle relazioni temporali fra i valori di durata che richiamano alla mente il modus (rapporto fra longa e brevis) della teoria musicale trecentesca. Modus ? dedicato al Trio Caroli.? Domenico Giannetta (2017) Giuseppe Ratti (1965) The Dark Day (2006) The Dark Day, ? un lavoro scritto nel 2006 su commissione dei fratelli Caroli a cui ? dedicato. E? una composizione che a cinque anni di distanza dal ?giorno nero?, l?attentato alle Torri gemelle di New York del settembre 2011, propone una rilettura di quei tragici avvenimenti. Una cartolina in bianco e nero che stempera la drammaticit? di quei momenti lasciando spazio alla malinconia e alla desolazione attuale di quel luogo. Il flauto e l?oboe, presenze simboliche delle due torri si intrecciano e si stringono uno nell?altro. Il loro ? un unico canto che si alza poco alla volta verso il cielo. I due strumenti si rincorrono, trasformano un tema melanconico in un canone strettissimo e violento lasciando trapelare le urla disperate simbolo di quel drammatico giorno. Il finale si riveste di una sottile nostalgia. Il ritorno del tema principale in un ?solenne? fff, ci conduce alla consapevolezza dell?indistruttibilit? di due parole fondamentali per l?uomo: ?libert? e futuro?. Giuseppe Ratti (2017) Paolo Pessina (1969) 12 Miniature Op.12 (1996) Le 12 miniature Op.12, composte nel 1996, seguono uno schema tonale e strutturale molto coeso. Ciascuno dei 12 brani gravita infatti intorno ad uno dei 12 suoni della scala cromatica secondo questo preciso piano tonale: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. sol min do# min DO magg fa# min FA magg si min (magg) SIb magg mi min Mib magg la min LAb magg re min Dal punto di vista del linguaggio tecnico-poetico l?utilizzo di un percorso tonale ben definito e la distribuzione equilibrata di ritmi di danza (dal carattere, andamento e dinamiche contrastanti) creano un unicum caleidoscopico. Non si tratta quindi di una semplice serie di dodici pezzi ma piuttosto di una composizione ripartita (suddivisa) in 12 momenti che ne descrivono sfumature, lati e aspetti diversi. Ciascuna delle 12 miniature ? una tessera che completa il quadro finale. La miniatura Nr.1 in sol minore ha il carattere malinconico di un valse meccanico nel quale il pianoforte introduce l?atmosfera con semplicit? lasciando al flauto e all?oboe il compito di enunciare il tema (un vero e proprio motto iniziale di poche note) che sar? poi ricorrente nelle miniature successive. La miniatura Nr.2 in do diesis minore, in misura 5/4,? basata su un vero e proprio ostinato (basso ripetuto) sul quale si inseriscono dei giochi imitativi a canone. La miniatura Nr.3 in DO maggiore ? un brillante Scherzino basato sul contrasto timbrico e tematico tra il pianoforte e i due fiati. La miniatura Nr.4 in fa diesis minore ? scritta in forma di invenzione con una equa distribuzione del materiale tematico ai tre strumenti. L?esplosione di energia che caratterizza la miniatura Nr.5 in Fa maggiore ? data da una pulsazione accentata nelle note gravi del pianoforte, su un costante ribattuto ritmico accordale, quasi a suggerire uno slancio e un ruggito da leone. La misura di 9/8 ben si presta a supportare questa corsa entusiastica. Il mistero caratterizza la miniatura Nr.6. Il tono di si qui oscilla fra il modo minore e quello maggiore con un ritmo ondeggiante e sincopato della melodia su una scansione costante della ritmica. Nella miniatura Nr.7 in SI bemolle maggiore si esprime il desiderio di una anelata oasi di pace. Qui agli esecutori viene richiesta una dolcezza particolare. Con la miniatura Nr.8 in mi minore [Andalusa] ritorniamo ai ritmi di danza con sapore mediterraneo. Nella miniatura Nr.9 in MI bemolle maggiore domina il carattere tranquillo, la moderazione, quasi a compensare gli eccessi sanguigni del brano precedente. Con la miniatura Nr.10 in la minore si ritorna al sapore di danza popolare, questa volta di carattere quasi tzigano, con una scrittura molto brillante per il flauto e l?oboe. La miniatura Nr.11 in LA bemolle maggiore ? un piccolo sogno, una visione estremamente rallentata e trasfigurata della idea di Valse, con una punta di ironia sentimentale. L?ultimo brano, la miniatura Nr.12, pur essendo nel tono di re minore, ha una struttura melodico-accordale che utilizza tutti e 12 i suoni in una serie (rigorosamente dodecafonica) data dalla successione delle note cardine di ciascuna delle 12 miniature (sol, do#, Do, fa#, Fa, si, Sib, mi, Mib, la, Lab, re). Il tutto ovviamente senza rinunciare allo spirito danzante, seriamente divertito, espresso dal valzer iniziale e riassumendo i temi delle precedenti miniature in una sorta giro finale conclusivo. Paolo Pessina (2017) Daniele Zanettovich (1950) Sei canzoni andaluse (2007) Le Sei canzoni andaluse sono nate come una piccola suite per chitarra, molto semplice sia sul piano tecnico che sotto l?aspetto strutturale. In una fase successiva ne ? stata sviluppata una versione da concerto per marimba (che si presenta invece molto impegnativa dal punto di vista tecnico), poi una versione per flauto, viola e arpa e quindi questa per flauto, oboe e pianoforte. Nel caso delle Sei canzoni queste successive ?versioni? sono in realt? dei completi rifacimenti del pezzo originale, del quale peraltro conservano intatte le caratteristiche fondamentali di semplicit? strutturale e di immediatezza. Ogni canzone mantiene esplicitamente il carattere della danza alla quale ? conformata, anche nelle brevi interpolazioni - nella Malague?a iniziale e nel Tanguillo finale - che fungono da piccole cadenze ad libitum. Daniele Zanettovich (2017)

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
JAZZ NATURE

JAZZ NATURE

€ 13,50

Lucia Minetti, voice Pietro Ballestrero, guitar Stefano Profeta, double bass Production: VELUT LUNA Executive producer: Marco Lincetto Recording, mix and mastering engineer: Marco Lincetto Cover photo: Massimo Forchino Inside photos: Marco Lincetto Design and layout: L'Image The recording was made direct to stereo master, strictly live-in-studio, during only one session at MagisterArea Studios, Main Hall, Preganziol, Italy, on September 23rd, 2017 THIS IS A PURE AUDIOPHILE RECORDING: during the recording of the digital HD PCM 88.2kHz/24bit master and the contemporary analog master and the subsequent transfer to disc, the entire audio chain was trasformerless. The signal was not passed through any processing device (no compression, no equalization and no corrective editing) at any step during production. Presentazione di Lucia Minetti Negli anni ho cantato ed amato molti repertori, esplorando mondi sonori differenti, dal fado alla musica brasiliana, dalla canzone francese al jazz. Dai tempi del mio disco ?Elle?, fatto nel 2003 insieme al mio maestro Giorgio Gaslini, questo ? il mio primo lavoro completamente dedicato agli standards del grande songbook americano, quasi un ritorno, atteso e raggiunto con la maturit? acquisita dopo un lungo viaggio, al cuore di quello che ? sempre stato il principale punto di riferimento del mio percorso. Come se fosse parte della propria natura, il jazz pu? costituire per un musicista una maniera di rapportarsi in generale all?arte, un desiderio di libert?, una voglia di provare emozioni sempre nuove, di rischiare e di mettersi in gioco ogni volta in cui ci si esprime. Insieme a Pietro e Stefano ho trovato una profonda condivisione di questo spirito, questa indole, che abbiamo voluto chiamare ?JAZZ NATURE?, e che ha da subito costituito la chiave per leggere un vasto repertorio di canzoni, dagli anni ?30 ai ?70, trovando il nostro suono di gruppo e selezionando con grande piacere i brani per il disco. Cogliendo appieno la filosofia di questa ricerca e proiettandoci completamente nell?epoca di quel jazz, Marco Lincetto ci ha proposto una modalit? di registrazione rigorosamente live in studio, che esaltasse al massimo le caratteristiche del nostro approccio ?NATURE?, nonch? le straordinarie qualit? tecniche della ripresa audio. Abbiamo accettato con entusiasmo la difficile sfida, e vissuto insieme un?esperienza incredibile, due giornate durante le quali la musica ? stata suonata, cantata, ascoltata ed incisa con la stessa tensione e la stessa intensit? emotiva che si prova nei migliori concerti. Lucia Minetti

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
BEETHOVEN IN TRIO

BEETHOVEN IN TRIO

€ 13,50

Ludwig Van Beethoven Concerto Triplo in Do maggiore, Op.56 per pianoforte, violino, violoncello e orchestra 1. Allegro,  17:49 2. Largo,  4:47 3. Rondò alla polacca — Allegro — Tempo I,  13:28 Live recording made at Sala Piccola Fenice, Trieste (Italy), on January 27, 2019 Trio in Re maggiore, Op.70, N.1 "Gli Spiriti" 4. Allegro Vivace e con brio,  7:08 5. Largo assai ed espressivo,  11:22 6. Presto,  8:41 Studio recording made at Magister Area Studios, Preganziol (Italy), on August, 5, 2019 Tot.Time: 63:20 24bit/88.2kHz digital recording, analog mix and mastering, made by Marco Lincetto himself, using the ultimate in digital and analog technology Trio Rachmaninov Stefano Furini, violin Cecilia Barucca Sebastiani, cello Alberto Boischio, piano Amadeus Adriatic Orchestra,  Stefano Sacher, conductor Production: VELUT LUNA Executive producer: Marco Lincetto Musical producer: Matteo Boischio Recording, mix & mastering: Marco Lincetto Recording assistant in Trieste: Fulvio Strain Photo: Marco Lincetto Design: L'Image Il Trio Rachmaninov si costituisce a Trieste nel 1995, compie la sua formazione a Duino presso la Scuola Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste e nell’anno successivo ottiene il primo premio assoluto al concorso Internazionale di Musica da Camera di Pinerolo a cui fa seguito una nutrita attività concertistica in Italia e all’estero. Attualmente il Trio Rachmaninov è formato da;  Stefano Furini, spalla stabile del Teatro Verdi di Trieste dal 1990 e primo violino di spalla ospite in numerosi importanti teatri tra cui il Teatro Alla Scala, anch’egli iniziò col padre e, dopo il diploma con lode sotto la guida del M° Piero Toso, si afferma in diversi concorsi nazionali ed internazionali continuando la formazione presso l’Accademia di Duino del Trio di Trieste assieme ad Alberto Boischio, pianista del Trio. Cecilia Barucca Sebastiani, giovane violoncellista Triestina inizia gli studi col padre (allievo di Libero Lana…), dopo il brillante diploma col M° Serafin al conservatorio di Trieste, ottiene prestigiosi piazzamenti in numerose competizioni nazionali ed internazionali. Completa la sua formazione presso l’Accademia Stauffer di Cremona con Rocco Filippini, alla Chamber Music Accademy di Duino col Trio di Parma e presso la Fondazione Romanini con Giovanni Sollima. Alberto Boischio, pianista padovano, dopo il diploma con lode a Padova inizia un lungo percorso cameristico dapprima in duo con Furini che portò per l’appunto alla formazione del Trio Rachmaninov all’Accademia del Trio di Trieste, inieme anche al violoncellista Jacopo Francini. Attualmente è docente di Accompagnamento Pianistico e Pratica Vocale presso il conservatorio Buzzolla di Adria e Maestro di sala e palcoscenico presso il Teatro la Fenice di Venezia. The Trio Rachmaninov was founded in Trieste on 1995 and they began the musical preparation under the guide of The Trio di Trieste at the Chamber Musica International Academy in Duino. They won the first prize at The Chamber Music International Competion of Pinerolo on 1996 and then they started a rich and log season of concerts all over the world for many years. Actually The Rachmaninov Trio is composed by two of the original founders, Stefano Furini, violin and Alberto Boischio, piano and the new member Cecilia Barucca Sebastiani, cello. Stefano Furini is the permanent first violin of Teatro Verdi in Trieste and the guest first violin of many important Theather all over the world, first of all of Teatro Alla Scala in Milan. He started his career also as soloist after the excellence degree cum laude at the Conservatorio di Musica in Padova under the guide of Maestro Piero Toso and then he won several national and international musical competitions. He completed his musical studies at the Chamber Music International Academy in Duino, with the pianist Alberto Boischio. Cecilia Barucca Sebastiani young cellist from Trieste, started her musical studies under the guide of her father. After the brilliant degree cum laude under the guide of Maestro Tullio Serafin at the State Conservatorio in Trieste, she reached brilliant places in several national and international competitions. She ultimated her musical studies at the Accademia Stauffer in Cremona under the guide of Maestro Rocco Filippini and at the Chamber Music Academy in Duino, under the guide of The Trio di Parma and, last but not least, at Fondazione Romanini under Giovanni Sollima. Alberto Boischio, pianist from Padova, after the degree cum laude at the State Conservatorio in Padova began an intense concert chamber music activity in several concerts, first founding a musical duo with Stefano Furini, that leaded him to founder the Trio Rachmaninov with Stefano Furini himself and with the cellist Jacopo Francini. Actually he is permanent Professor of Accompagnamento Pianistico and Pratica Vocale at the State Conservatorio Buzzolla in Adria and Maestro and stage director at the Teatro La Fenice in Venezia.  AMADEUS ADRIATIC ORCHESTRA (AAO) è un’orchestra giovanile sorta  nel dicembre 2015 nell’ambito dell’ Associazione Mozart Italia-sede di Trieste. Ha al suo attivo decine di concerti , principalmente  in Italia, Austria e Slovenia. Il  suo repertorio comprende sinfonie e concerti di Haydn, Mozart, Schubert, Beethoven, Mendelssohn, Chopin, musiche di Saint Saens, Respighi e musica contemporanea.  Dal 2017 i progetti musicali di AAO sono sostenuti dalla Regione Friuli Venezia Giulia.  Amadeus Adriatic Orchestra è fondata e diretta da Stefano Sacher AMADEUS ADRIATIC ORCHESTRA (AAO) is the  youth orchestra of the Mozart Society Italy-Trieste, which started its activity in December 2015. AAO has performed so far music by Haydn, Mozart Schubert, Beethoven, Mendelssohn, Chopin, Saint Saens, Respighi and contemporary music with concerts  in Italy, Austria and Slovenia. Since 2017 AAO musical projects are supported by Friuli Venezia Giulia Region. The founder and conductor of the Orchestra is Stefano Sacher.  

Aggiungi al carrello

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello