Spedizioni gratis in Italia se ordini più di 3 articoli !

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

IMAGENES DE TANGO Remastered V L H D

13,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Codice: CVLD04200

Autore: ASTOR PIAZZOLLA
Esecutore: MODERN SAXOPHONE QUARTET
Durata: 66,23
Supporto: cd
CLASSICAL FROM 20th CENTURY : original compositions by Astor Piazzolla, Pepito Ros, Gustavo Toker. Modern Saxophone Quartet / Simone Zanchini, accordeon 24Bit / 96 kHz Digital Recording. Live in studio at Chiuppano Public Auditorium (Vicenza, Italy) May, 2000. VLHD REMASTERED, May, 2008

Noi di Velut Luna consideriamo questo disco, una delle nostre perle nascoste.
Con questo “Imagenes de Tango” inizia un lavoro di riscoperta di alcuni dei titoli che noi amiamo di più e che presentano contenuti di assoluto rilievo musicale.
In questo progetto la prestigiosa formazione del Modern Saxophone Quartet, composta da 4 sassofonisti classici, ospita come solista il grandissimo e acclamatissimo solista al bandoneon Simone Zanchini, nell’esecuzione di alcuni classici di Astor Piazzola, utilizzando arrangiamenti originali, composti per l’occasione.
Da sottolineare anche un aspetto rilevantissimo di questa esecuzione, ovvero il fatto di essere stata realizzata rigorosamente dal vivo, pur senza pubblico, nella splendida acustica dell’Auditorium di Chiuppano, in provincia di Vicenza. E’ una cosa, questa, a cui tutti noi teniamo molto. Una curiosità simpatica e significativa del nostro approccio: i brani Oblivion e Libertango (tracce 10 e 11) sono in realtà uniti fra loro a sorta di mini suite ed il “collante” è una lunga cadenza (un lungo “solo”) del bandoneon. Ad un certo punto c’è una piccola imperfezione esecutiva – una piccola nota stonata – sottolineata da un verso di disapprovazione di Zanchini: ora, avremmo ovviamente potuto correggerla, ma per volontà dello stesso Zanchini si è deciso di lasciarla a testimonianza di una freschezza esecutiva che nessuna perfezione al “profumo di editing” potrà mai dare alla musica.
Ultimo, ma non ultimo, motivo di interesse è legato al lavoro di remastering realizzato. E’ stata applicata la ormai nota tecnologia VLHD, che “si limita”, per così dire con un grande eufemismo, ad utilizzare i più sofisticati algoritmi di decimazione del segnale oggi disponibili, non disgiunti da un precisissimo e proprietario controllo del clock digitale.
Ecco quindi che anche coloro che avessero già acquistato questo disco, avrebbero oggi un buon motivo per riacquistarlo, riuscendo in questo modo ad ottenere l’opportunità di verificare direttamente a casa propria, in un confronto diretto, quanto sia importante e quanto si sia evoluta la tecnologia digitale al servizio del CD standard in questi ultimi anni.
 
 
Potrebbero interessarti anche ...